Ad ogni donna

ad-ogni-donna

Senza Cera oggi ci delizia con una riflessione importante: le donne vanno amate e non malmenate. Un pensiero ad ogni donna.

 

Quindi te senti un grande
Quanno senza pensacce troppo.
Senza aspetta risposte alle tue domande
Te metti in tasca la violenza come malloppo.
Ma nun te fai schifo manco un po’?
Essere inutile e vigliacco,
che tu sia ‘n omo questo non lo so,
Che su ‘na donna indifesa usa come arma l’attacco.
Dovresti imparà tanto da loro
Perché una t’ha messo ar mondo,
Una potrebbe datte un bene più prezioso dell’oro,
La stessa che te fece innamorà in un secondo.
Ma te ormai sei accecato da la rabbia,
E sei talmente deluso dai tuoi fallimenti
Che hai deciso de rinchiudela in gabbia
E de infliggeje tutti sti tormenti.
Ma ricorda mezz’omo che nun sei altro,
e t’ho fatto pure un complimento,
Che se alzi le mani su una donna nun sei furbo né scaltro,
Ma solo un bamboccio con mancato svezzamento.
Perché le donne so fatte pe esse amate,
E a menaje non passi per macho.
Vanno rispettate e spesso capite.
E dà retta a me, stronzo,
Ar posto de la mano usa er BACIO.

 

Di Simone de Santis, in arte Senza Cera. Per la pagina FB clicca qui.

 

Main photo by Pixabay


 

[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/FC-.jpg[/author_image] [author_info]Francesca Cervelli, 27 anni, Laureata in Storia Contemporanea, Roma. Sogna un mondo migliore mentre prepara dolci, guarda telefilm e legge, sempre, anche le etichette dello shampo sotto la doccia. Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso.[/author_info] [/author]

 

Pensiero mattutino

pensiero-mattutino

 Torna Senza Cera con una nuova riflessione a freddo, intensa e diretta: Pensiero Mattutino.

 

Stamattina me so arzato
co un pensiero fisso in testa:
pensavo alla gente che conosco,
a chi se n’e’ annato e a chi, invece, resta.
Io nun so voi ma io c’ho fatto caso
che quanno stai bene tutti intorno e
quanno stai male invece nessuno
che se vole accollà er “peso”.
Io nun so cosi.
Io so sempre stato bono,
l’amici l’ho aiutati, le donne l’ho amate,
perché questo è quel che sono.
Sai quante vorte alle cinque de matina
m’arivava ‘na chiamata che gridava:
“Aiuto, so stata na cretina!”.
E io raccojevo tutto quanto da per tera, facevo pulizia,
piegavo l’orgoglio e sotterravo l’ascia de guera.
Ma che m’ha portato alla fine lascialli intatti quei ponti?
Beh, io le ho tirate le somme
e me so fatto pure du conti.
Si è vero che in cambio nun ho ricevuto niente
e questo davero nun lo po sapé l’artra gente.
A differenza de prima che quarcosa m’aspettavo,
mo nun faccio più la fila pe esse trattato come no schiavo
de quarcuno che è bono solo a punta er dito.
Ma c’è ‘na cosa che ste persone nun hanno ancora capito,
che non importa quanto er sole in cielo brilla,
pure se illumina ‘na brutta persona
quella nun diventerà mai bella.
Ao ve chiedo scusa pe sto sfogo mattutino,
che sia chiaro è solo frutto de chi m’ha fatto masticà dorce
pe poi ingoià amaro.

 

di Simone de Santisi, in arte Senza Cera. Clicca qui per la pagina FB.

 

Main photo by Pixabay


[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/fra.jpg[/author_image] [author_info]Francesca Cervelli, 26 anni, Laureata in Storia Contemporanea, Roma. Sogna un mondo migliore mentre prepara dolci, guarda telefilm e legge, sempre, anche le etichette dello shampoo sotto la doccia. Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso.[/author_info] [/author]