Correva l’anno 1991

Il 26 febbraio 1991 veniva lanciato il World Wide Web, idea che aiuterà il mondo dei media a cambiare ancora di più e forse per sempre.

Correva l’anno 1991. Avevo tre anni e ho davvero pochi ricordi di cosa accadde durante quell’anno. Ricordo chiaramente mia madre che piangeva per la morte di Freddie Mercury, di essere andata per la prima volta al cinema per andare a vedere La Bella e la Bestia e poco altro.

Pensando al World Wide Web mi è venuta quindi la curiosità di riandare a vedere cosa stava accadendo nel mondo degli altri media e ho scoperto che per musica e cinema fu un anno grandioso. Forse come pochi altri.

Cassette e cd facevano da padroni, ma album celebri, di grande valore artistico e che andarono a rivoluzionare il panorama musicale uscirono quell’anno. Il 1991 fu infatti l’anno di Nevermind dei Nirvana, di Metallica (Black Album) dei Metallica, appunto, di Blood Sugar Sex Magik dei Red Hot Chili Peppers, di Ten dei Pearl Jam, di Acthung Baby degli U2, , di Dangerous di Michael Jackson, di Use your Illusion I & II dei Guns N’ Roses, ma soprattutto di Innuendo dei Queen, album con cui il mitico Freddie ci salutò tutti.

Copertina dell'album dei Queen "Innuendo"
Copertina dell’album dei Queen “Innuendo”

Per quanto riguarda il cinema il 1991 fu l’anno de Il silenzio degli Innocenti e di Mediterraneo, premio Oscar come miglior film straniero nella cerimonia degli Academy Awards dell’anno seguente, di Hook Capitan uncino (Robin Williams ci manchi tanto), di Johnny Stecchino e de Il padre della sposa, ma anche di Thelma & Louise, del Robin Hood principe dei ladri di Kevin Costner e del film Disney La Bella e la bestia di cui parlavo sopra.

Scena del fil Mediterraneo
Scena del fil Mediterraneo

Un anno davvero da ricordare il 1991. Non pensate?

Voi per cosa lo ricordate?

 

 

 

Elisabetta Graziani

Una risposta a “Correva l’anno 1991”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.