Game of Rome: Il regno dei Lupi

Ispirato dal successo editoriale (e non solo) di George R. R. Martin, prende il via una nuova serie Tv, tratta dall’omonimo romanzo scritto a due mani da Salvatore Buzzi e Massimo CarminatiGame of Rome: il regno dei Lupi“. Vediamo cosa ci aspetta nella rocambolesca nuova stagione di questo evento televisivo e mediatico!

Game of Rome: il regno dei Lupi

Riassunto delle puntate precedenti:

La pace nella capitale dei Sette Regni stenta a decollare: dopo gli innumerevoli sforzi fatti per pacificare Approdo di Enea, il caos torna sovrano.

Re Ignazio è morto, ucciso da un cinghiale, o meglio da un piatto di fettuccine al ragù di cinghiale e dal suo relativo scontrino. Il suo cadavere non ha fatto in tempo a diventare freddo che già è scoppiata la guerra per il Trono, e i contendenti sono tanti e davvero agguerriti.

Nuvole di guerra arrivano da Est, dove la casata dei Casamonica ha chiamato a sé i vessilli e si prepara a dichiarare tutte le terre ad est della Capitale, fino ai Castelli, autonome ed indipendenti dal gioco del nuovo re. Queste ostili terre ora hanno un nuovo sovrano autoproclamatosi “King in the Est che rivendica non solo l’autonomia ma anche le spoglie del padre, custodite nelle oscure segrete del Campidoglio.

Intanto la situazione in città sembra andare anche peggio. Non basta l’avanzata dell’esercito Casamonica, a complicare la situazione ci si mette la guerra fratricida esplosa tra i due fratelli della stessa casata: Giorgia Baratheon e ARfio Baratheon, figli di Gianni Baratheon, ex Mano del Re ed ex pretendente al trono.

Meloni sindaco di Roma
Giorgia Baratheon e Davos Crosetto, suo fidato consigliere militare, mentre giurano fedeltà al “Signore Oscuro”
Renzi e Roma
Il volto del redivivo Renzi Targaryen che compare sui muri della Capitale. La guerra per il Trono è sempre più accesa.

Entrambi rivendicano il trono per discendenza ed entrambi rivendicano anche le attenzioni del loro amato padre adottivo: Silvio Lannister, l’uomo più ricco del continente, che rivede in Giorgia la possibilità di tornare al potere nella Capitale, ma percepisce in Alfio una possente aurea imprenditoriale. Nessuno dei due contendenti vuole lasciare il passo e, mentre ARfio raduna il suo esercito a Villa Borghese, Giorgia si affida al “Signore Oscuro dei Casapound” e alle sue arti oscure per sbaragliare i suoi nemici nell’ombra.

Ma un altro contendente si affaccia sulla scena: dall’altra parte del Tevere, chiamato anche Fiume Stretto, Renzi Targaryen si prepara a tornare nella Capitale per rivendicare il trono sottratto alla sua famiglia. Con sé ha un esercito di PiedDini, un terribile popolo nomade di cavalieri che mettono a ferro e fuoco l’Italia senza un motivo preciso. Questi scellerati cavalieri temono le acque del Fiume Stretto ma il vendicativo Renzi sta insegnando loro a non aver paura i neri flutti del fiumo (e soprattutto i romani).

Ma dalla Barriera del Raccordo Anulare giungono terribili presagi. Alessandro di Battista, capo dei Guardiani del Raccordo, vorrebbe cavalcare per rivendicare il trono ma non può per due motivi: il primo è che è vincolato dal voto fatto con se stesso dopo aver preso il Nero, e il secondo è che pesanti ombre si  stanno per abbattere sulla Barriera e di riflesso sui Sette Regni. Approfittando del caos, infatti, i Green Walkers (o Padanei) capeggiati dal Verde Salvini si fanno più minacciosi e iniziano la loro discesa verso sud.

Il Paese è allo sbando, 4 re si contendono il Trono e in tutto questo…

… Giubileo is coming!


[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/Guinness-Man.jpg[/author_image] [author_info]Davide Diana, 26 anni, nato e cresciuto a Roma. Laureato in Storia e società e ora Freelance Blogger. Si definisce un Nerd atipico: ama i film, i fumetti, i videogiochi… ma sopra ogni cosa ama viaggiare. Una volta ho provato ad essere normale… i peggiori 2 minuti della mia vita.Content goes here[/author_info] [/author]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.