Jackie: la solitudine di una First Lady

Una sensazionale Natalie Portman, guidata da Pablo Larraìn, interpreta il dolore di Jackie Kennedy nelle ore e nei giorni successivi all’omicidio del marito, nonché presidente degli Stati Uniti J. F. Kennedy

Jackie: la solitudine di una First Lady

Il film racconta i giorni immediatamente successivi all’omicidio di John Fitzgerald Kennedy, dal punto di vista della moglie Jaqueline. Jackie ha solo 34 anni quando JFK viene eletto Presidente degli Stati Uniti. Elegante, raffinata e imperscrutabile, la First Lady si impone immediatamente come icona globale, soprattutto per il suo gusto nella moda, nell’arredamento e nelle arti. Il 22 novembre 1963, durante un viaggio istituzionale a Dallas, il Presidente Kennedy viene assassinato. Le immagini del vestito rosa di Jackie macchiato dal sangue del marito passeranno alla Storia e a bordo dell’Air Force One che la riporta a Washington c’è una donna la cui esistenza è andata in frantumi.
Sconvolta dal dolore, Jackie si troverà quindi ad affrontare la settimana più difficile della sua vita per ritrovare la fede, consolare i suoi figli e definire l’eredità storica lasciata dal marito.

John e Jackie Kennedy a Dallas poche ore prima dell’attentato.

Il regista cileno, per la prima volta alle prese con un progetto non ambientato in Cile, vuole far emergere il caos, soprattutto emotivo, ricostruendo  quei giorni di tormento e sgomento, di tensioni politiche, con l’investitura lampo di Lindon Johnson a nuovo Presidente USA sull’aereo che avrebbe riportato Jackie da Dallas a Washington, con Bobby Kennedy  fratello, cognato, zio lacerato dalla perdita, umana e al tempo stesso simbolica, e l’organizzazione di un funerale dell’uomo simbolo d’America, e non solo, della Guerra Fredda.

Anche per questo, contro i suggerimenti dell’intelligence e di chiunque avesse intorno, Jackie non si arrese all’idea di poter marciare al fianco del carro funebre del marito, consegnando agli sguardi del mondo intero la memoria di una figura politica poi passata alla storia. Il film trasmette il dolore e la solitudine nelle immediate ore dopo un lutto che colpisce la famiglia della vittima, in questo caso la moglie, in questo caso una First Lady. Quello che emerge è soprattutto la solitudine di una First Lady dopo la perdita del marito, dopo la perdita del titolo. Il dolore della perdita e lo smarrimento: non sapere che cosa ne sarà della vedova di un presidente, della vedova di un Kennedy.

Fonti e foto:

mymovies.it

web


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.