La campagna di LINES e l’importanza delle visite ginecologiche

Ci sono domande scomode, argomenti che spesso si ha timore di affrontare in casa alle quali ragazzi e genitori hanno paura di rispondere. LINES affronta temi, spesso considerati Tabù, grazie alla campagna Domande Scomode.

Da un recente studio si evince che solo il 43% delle donne italiane va regolarmente dal ginecologo, mentre, se si considera la fascia di età compresa tra i 15 e i 35 anni, si scopre che il 19% di loro non ci è mai stato. Non basta pensarci molto su per considerare questi dati come problematici, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione. Spesso le donne prendono appuntamento dal ginecologo/a quando arrivano al culmine della sopportazione del dolore. Le scuse più frequenti riguardano anche il costo elevato delle visite o l’inutilità di farsi visitare se non si hanno problemi.

Alla mia età, quasi trenta, mi capita ancora di parlare con ragazze che non hanno mai effettuato una visita ginecologica, che hanno ancora molti dubbi o che non hanno ancora trovato una figura medica di riferimento. Inoltre, secondo altri dati raccolti dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO), che dimostrano come la maggior parte delle ragazze italiane si avvicinano al sesso senza avere un’idea chiara della contraccezione e della prevenzione.

Quando si deve fare la prima visita ginecologica?

Non c’è un’età precisa ovviamente. In linea di massima si consiglia di farla con l’arrivo delle mestruazioni, perché è in quel momento che ha inizio la fase riproduttiva della vita di una donna. Questo significa che, al contrario di quello che molti pensano, non è necessario avere già avuto rapporti per farsi visitare: si può fare un primo consulto, una visita esterna (ecografia pelvica) o si può scegliere di effettuare già un ecografia e visita interna, perdendo la verginità.

Ogni quanto bisogna andare dal ginecologo?

In una condizione normale la visita ginecologica, come tutte le altre visite, deve essere ripetuta una volta all’anno. Ogni due anni, invece, andrà effettuata la visita con pap test, previo aver riscontrato infezioni. A partire all’incirca dai trent’anni è consigliabile aggiungere alla palpazione del seno anche un’ecografia, come prevenzione del tumore al seno.

Con la sua nuova campagna, LINES si pone l’obiettivo di avvicinare genitori e figli su tematiche che possono ancora creare qualche difficoltà comunicativa, e di migliorare l’informazione sulla salute femminile e sulla sessualità. Per qualsiasi dubbio o domanda scomoda potete trovare le vostre risposte nel nuovo programma di Sex Education su lines.it : articoli e video, realizzati in collaborazione con medici ed esperti del settore, che spaziano dal modo in cui funziona il ciclo mestruale, a tematiche inerenti all’educazione sessuale degli adolescenti. E per creare sensibilizzazione sull’importanza che ha il consulto medico.

Fonti:

freedamedia.it

lines.it


Lascia un commento