olimpiadi-a-rieri

Le olimpiadi a Rieti

Le Olimpiadi a Rieti … no, non è né una provocazione né una polemica politica. Ora vi spiego in breve i primi giochi olimpici reatini della storia!

Non stiamo dando i numeri né stiamo soffrendo gli effetti della calura estiva, questo è solo un breve articolo su una cosa che mi porto nel cuore da tempo, sicuramente come la maggior parte di voi: la nostra infanzia!

Ok! Cosa c’entra ora l’infanzia, le olimpiadi e il capoluogo laziale???

Datemi tempo di spiegare …

Questa è stata un’estate davvero ricca di eventi sportivi; gli Europei hanno aperto le danze e le Olimpiadi le concluderanno. E’ stata anche un’estate diversa per me, che attualmente vivo a Dublino, dove sinceramente l’estate non è mai iniziata.

Bene, nonostante qui ci si trovi effettivamente in un fresco aprile, l’inizio dei giochi olimpici mi ha portato indietro, ad un tempo lontano quando le estati erano spensierate, calde e divertenti.

Le Olimpiadi mi hanno portato ai miei 8 anni, ai miei 12 anni e ai 16.

Penso che io non sia l’unico al quale questo tipo di evento sportivo risveglia queste sensazioni: è come un appuntamento quadriennale che, puntualmente, mi fa sentire malinconico, soprattutto ora che sono lontano da casa.

Diciamo che non sono un vero appassionato delle Olimpiadi, le seguo soltanto in modo indiretto tramite giornali o post su Facebook, ma questa volta l’effetto “nostalgia” ha colpito forte.

Da quando sono iniziati i giochi ogni giorno che vedo in tv atleti e cronisti mi sento in bocca quel sapore di passato; non so come spiegarlo, ma spero abbiate capito.

Come ho detto prima ogni volta torno indietro nel tempo a quando le Olimpiadi erano un evento incredibile, ossia quando era un bambino facilmente impressionabile.

Lo so che per molti questo evento resta affascinante anche ora, ma per me quando ero un semi infante aveva un altro fascino.

E quando avevo 8, 12 e 16 anni ogni estate partivo e, con la mia famiglia, andavo a trascorrere il mese di agosto a Leonessa, a 40 minuti da Rieti.

ORA CAPITE IL PERCHE’ DELLE OLIMPIADI A RIETI?

Ebbene sì, vivevo l’evento in quella splendida parte del Lazio, tra fresche e verdi montagne, circondato dai miei amici e familiari. Anche se non me ne importava molto le Olimpiadi erano quel qualcosa che faceva l’estate, come “Una poltrona per due” a Natale, per capirci.

14037639_10210193148334566_1949793987_o

Erano tempi di corse in biciclette, more raccolte e mangiate ai cigli delle strade sterrate, feste di paese, merende con cartoni animati e notte di stelle cadenti.

Ricordo davvero con gioia quei momenti, anche perché Leonessa e i dintorni di Rieti erano qualcosa di incredibile per una famiglia con bambini al seguito e, se non ci siete mai andati, allora vi consiglio di farci un salto, soprattutto in autunno quando ci sono un sacco di sagre ed eventi interessanti.

Erano anni felici, come tutti abbiamo avuto nella nostra infanzia. Anni che giocoforza siamo stati costretti ad abbandonare.

So che chi ha iniziato a leggere l’articolo sperava di trovare qualche notizia riguardante ad una possibile edizione olimpica reatina; perché no!

Dopotutto se si può candidare Roma, perché non può farlo Rieti, che sicuramente è più preparata ad affrontare un evento del genere.

Scherzi a parte concludiamo qui questo breve e nostalgico viaggio nel passato e prima di lasciarvi vorrei chiedervi se anche voi, come me, questo evento scatena questo tipo di ricordi.14011949_10210193149454594_1841209194_n.png

Anche voi avete un qualcosa che vi ricorda il passato? Anche a voi le Olimpiadi scatenano questo tipo di sensazioni???

In attesa di risposte faccio un in bocca al lupo agli atleti italiani.

FORZA ITALIA!


[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/Guinness-Man.jpg[/author_image] [author_info]Davide Diana, 27 anni, nato e cresciuto a Roma. Laureato in Storia e società e ora Freelance Blogger. Si definisce un Nerd atipico: ama i film, i fumetti, i videogiochi… ma sopra ogni cosa ama viaggiare. “Una volta ho provato ad essere normale… i peggiori 2 minuti della mia vita”.[/author_info] [/author]

Lascia un commento