Referendum Grecia: siamo al bivio?

Ci dicono che tutto andrà bene. A prescindere dal risultato del referendum che si terrà in Grecia domenica 5 luglio. A prescindere da quello che il popolo ellenico deciderà sul restare o no all’interno del sistema Europa.

Ci dicono che ci siamo già messi al riparo, che la nostra economia è in ripresa e che ciò che doveva essere fatto per stare al sicuro è stato abbondantemente fatto.

La Merkel parla di “un’Italia che ha fatto riforme impressionanti”. Diciamo che noi ce ne siamo accorti sulla nostra pelle. Abbondantemente. Speriamo solo servano davvero sul lungo periodo.

Ci dicono che non cambierà poi molto dopo domenica, ma il senso di insicurezza rimane ed è più forte che mai.
Dal 2008, dall’inizio della crisi le nostre vite sono cambiate. In peggio probabilmente. Molte delle cose che davamo per scontate hanno smesso di esserlo.

Eppure si ha ora la sensazione di essere ad un bivio. Il voto greco sarà probabilmente una svolta.
E se scoprissimo un’altra via oltre a quella offertaci dall’Europa? E se invece tutto crollasse dopo il voto mostrandoci che solo il sacrificio poteva portarci fuori dalla crisi?

Due possibilità, un bivio, qualcosa che scopriremo solo vivendo.

Buon voto Grecia.

[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/Betta_.jpg[/author_image] [author_info]Elisabetta Graziani, 27 anni, di Roma. Dottoranda in Storia Medievale, ama Boston, il calcio e le cose belle di ogni tipo (compreso Kevin Spacey). Per ardua ad Astra.[/author_info] [/author]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.