Storia di un romano fuori sede

Vi avverto, questo articolo sarà tutto scritto con una fortissima connotazione romanesca; ecco la storia di un povero romano fuori sede!

Storia di un romano fuori sede:

In Irlanda se vede de tutto e de tutti; di italiani ce ne stanno a bizzeffe, ma so tutti sardi o pugliesi e forse scrivo sto articolo popo perché me sento un po’ solo. Ma è vero, qua su nella verde terra de San Patrizio, nun ce stanno tanti romani. Semo pochi e un po’ la mia gente me manca.

Lo so che starete a pensa “ma che c…o dice questo, che non se capisce niente”; ve dò ragione, manco Word ce sta a capì na mazza, visto che segna tutto in rosso. Eppure nun servivano ste poche righe de introduzione pe capì da do vengo.

Che sò de Roma s’era capito tempo fa: c’ho scritto un sacco de articoli su sta città (leggite le 10 cose che un romano deve sapè fa oppure l’articolo su Game of Rome), però qui in Irlanda ho tentato de mimetizzamme il più possibile. Il perché nun lo so, so orgoglioso della mia città, e chi no po’ esse. Però sapete com’è, uno cambia vita e prova pure a cambià l’accento: lo so che non è giusto ma ce volevo provà… però… m’hanno beccato in quattro e quattr’otto!

romano-fuori-sede
“Tutte le strade portano a Roma”.

 

Ho pensato: “Eccolà, m’hanno beccato, ormai non posso più nasconne er fatto de esse romano.” Perché se sente tanto, quanno parlo, quanno me movo. Poi dopo la quinta milanese che me diceva:

– Ma sei di Roma?? –

Finarmente glie ho risposto:

– Eh si, so de Roma! –

– L’accento romanesco lo trovo eccitante! –

E’ stata questa la risposta, ma lasciamo sta che è n’antra storia.

Pensavo che nun se sentisse, e me so fregato da solo. Io so romano dalle dita dei piedi alle punte de quei pochi capelli che me so rimasti, e cercà de trattenemme è impossibile.

E allora perché farlo? Ora so che nun c’ha senso, so che io DEVO di “AHO!!!”, come un sardo c’ha er diritto de di “EJAAA!!!” (o come se scrive).

Oggi so un romano fuori sede, lavoro e vivo qua, e quanno lavoro e vivo sprizzo romanità da tutti i pori; come quella vorta che dissi ad un milanese, dopo na pioggia che nun te dico:

– C’ho tutti i pedalini fracichi! –

E via du ore a spiega che so sti fantomatici “pedalini”… so carzini, che volete che so!!!

O come quanno nun capiscono che “non se la devono imbastire”… o artri modi pe carma l’animi.

E quando accolgo gente in ufficio, appena inizio a parlà me sgamano con fare divertito.

Eh già! Ma mo che l’ho capito me va bene.

Perché pe quanto se po’ esse lontani da casa l’importante è portasse la casa dentro e, ogni vorta che parlo e me movo, io me sento a casa.

Roma nun sarà un paradiso, ma è unica e unici semo noi, romani caciaroni, amiconi, rumorosi e un po’ svogliati (semo artisti nati penso io).

E pe chi se sta a chiede “Ma do vole arrivà a parà questo???” risponno che c’è poco da capì: volevo solo sfogamme un po’, caccia fori l’anima romana che dorme da un po’ e di che, anche se sto in culo alla luna e in braccio alle stesse, c’ho casa mia dentro ar core.

PERCHE’ PURE QUA GIU’ SO UN ROMANO, UN ROMANO FUORI SEDE, MA SEMPRE ROMANO… AHO!!!!


 

[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/Guinness-Man.jpg[/author_image] [author_info]Davide Diana, 27 anni, nato e cresciuto a Roma. Laureato in Storia e società e ora Freelance Blogger. Si definisce un Nerd atipico: ama i film, i fumetti, i videogiochi… ma sopra ogni cosa ama viaggiare. “Una volta ho provato ad essere normale… i peggiori 2 minuti della mia vita”.[/author_info] [/author]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.