Sindaca di Roma: miRAGGI a 5 stelle

Sono giorni difficili per la Sindaca di Roma, Virginia Raggi. Dal momento dell’elezione ha sempre cercato di essere accettata dall’elettorato che l’ha fortemente voluta ma, a quanto pare, tutte le fatiche non sono ripagate. 

 miRAGGI a 5 Stelle

Ogni volta che si parla in streaming di coerenza, la credibilità del M5S viene minata da qualche evento. Diciamo che, per il Movimento, gli ultimi mesi non sono stati di certo una passeggiata (ricordiamo i fatti legati ai sindaci di Livorno e di Parma).

La confusione regna sovrana; a differenza dell’Appendino, sindaca pentastellata eletta a Torino, la Raggi sembra impacciata, quasi impaurita nel svolgere il suo compito. Compito molto oneroso e difficile, amministrare una città come Roma: la capitale del Paese, proveniente da problemi di infiltrazioni mafiose e mala gestione del PD.

Nelle ultime ore è scoppiato il caso Muraro, l’assessore(a) dell’ambiente nominata dalla Raggi è indagata dal 18 luglio. La sindaca sapeva, non sapeva, i vertici erano al corrente o meno? I fatti non sono ancora chiari, i vertici del Movimento vanno avanti sostenendo la vecchia tesi de “i poteri forti ci contrastano per la nostra onestà”.
Sarà; ma nelle ultime ore Grillo non sa bene cosa fare, ricordiamolo sempre che è lui a capo del Movimento. Di Maio ha sospeso l’invito a Politics, il nuovo show politico di Semprini su Rai3, Di Battista ha annullato il suo tour anti riforma costituzionale.

I problemi del direttorio romano rischiano dunque di ingigantirsi e osteggiare il Movimento a livello nazionale; un grave danno visto i dati degli ultimi periodi, delle vittorie e delle nuove conferme. Non sarebbe più opportuno assumersi le proprie responsabilità e dire: ok, ci siamo addossati una bella gatta da pelare, amministrare Roma è difficile, collaboriamo? Ma il Movimento non è così, non lo è mai stato e non lo sarà mai, altrimenti avrebbe collaborato con Bersani all’alba delle elezioni politiche del 2013.

 Chissà se, come tutti i Movimenti di base populista, anche il M5S sarà una meteora. Come andrà a finire? Lo scopriremo solo vivendo dice una famosa canzone.

Main photo by Web

Fonti:
Espresso.repubblica.it


[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/FC-.jpg[/author_image] [author_info]Francesca Cervelli, 27 anni, Laureata in Storia Contemporanea, specializzata in Cooperazione e Diritti Umani, Roma. Sogna un mondo migliore mentre prepara dolci, guarda telefilm e legge, sempre, anche le etichette dello shampo sotto la doccia. “Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso”.[/author_info] [/author]

Una risposta a “Sindaca di Roma: miRAGGI a 5 stelle”

  1. Un osservatore attento non può essersi reso conto della incapacità dell Raggi a tenere il timone di una Roma reduce da scandali, malversazioni ed intrusioni mafiose.
    Bel altra tempra personale ci vorrebbe.
    Eppoi, chi non ha subito visto l’incredibile novità di una sindaco che viene ‘controllata’ da un direttorio del suo partito che, in ogni caso, non è riuscito ad evitare alla Raggi scelte non solo inopportune ma chiaramente in odore di strani intrighi e cooptazione di personaggi indagati o provenienti addirittura dalla peggiore amministrazione che Roma abbia mai avuto: la giunta Alemanno!
    Dopo aver urlato ‘onestà, onestà….’e convinto i romani, la sindaco va a scegliere, per sistemare l’AMA una consulente decennale della medesima azienda, da questa strapagata!!!
    Insomma, la base del movimento è arrabbiata e molti romani che hanno votato di pancia, sono pentiti.
    Nulla di nuovo sotto il sole, anzi, mala tempora currunt….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.