Te vojo bene mà!

Per augurarvi una buona giornata inseriamo anche oggi, nella nostra rubrica Post It, un’opera di Senza Cera.
Oggi, in romanesco, un pensiero profondo per la donna più importante di tutti: la mamma. Buona Lettura.

Si è vero che pe quarche motivo su sto monno me c’hai messo
che è da na vita, quasi trent’anni che me lo chiedo spesso
sei sempre presente ner bene o ner male.
Quanno da regazzino litigavo e me curavi le ferite co acqua e sale,
quanno cercavo de ribellamme a sto monno che spesso è balordo
e quanno a scola nun c’annavo e nun te volevo senti come fa er peggior sordo.
Ma l’anni passeno e vedette invecchia’ lo credo a stento
e te guardo mentre la schiena se incurva come farebbe na canna ar vento,
so che er tempo è tiranno e er destino avverso e che la strada è una sola,
tutti quanti nello stesso verso,
ma quanno rientro a casa e te trovo li seduta sulla sedia a fa’ la maglia
me ritornano in mente tutti li sapori e l’odori de la famiglia.
Ne avemo passate de cotte de crude e de tutti li colori, avemo visto nasce le gioie e mori’ li dolori.
Mo però basta parla’ de malinconia e discorsi brutti vojo parla’ de te a sto monno,
vojo parla’ de te a tutti della donna che sei e della forza che hai,
de quanto er sorriso tuo è più forte de tutti li guai!
Ma c’è na cosa che nun t’ho mai detto e che nessuno sa, oggi te dedico er massimo rispetto…
TE VOJO BENE MA’!!!

di Simone de Santis, in arte Senza Cera.

[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/fra.jpg[/author_image] [author_info]Francesca Cervelli, 26 anni, Laureata in Storia Contemporanea, Roma. Sogna un mondo migliore mentre prepara dolci, guarda telefilm e legge, sempre, anche le etichette dello shampoo sotto la doccia. “Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso”.[/author_info] [/author]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.