The Americans e Deutschland 83: Guerra Fredda in Tv

Mi sento di poter affermare che le Serie Tv sono un Cult della mia generazione; la vera e propria esplosione di film a puntate è legata agli anni ’90 e rafforzata dall’avvento delle pay tv del nuovo millennio. Oggi vi parlerò di The Americans e Deutschland 83.

Ci sono Serie Tv famosissime, anche più vecchie di me, alcune intramontabili, altre tratte da libri, i drama, le politicizzate, o le serie tratte da eventi storici realmente accaduti. Quest’ultime possono avere successo o essere viste da pochi appassionati; di solito sono i film che cercano di personificare la storia, o i romanzi storici, ma alcune volte anche le Serie Tv riescono nel loro intento. Oggi ve ne recensisco due che rientrano nell’ultima categoria.

The Americans

La bravura degli attori e l’attinenza fiction ai fatti realmente accaduti non permettono distrazioni. Una coppia di agenti segreti assoldati dal KGB arrivano a Washington negli anni sessanta e, per rendere più efficiente il loro operato di spie, conducono una vita normale, in pieno stile americano negli anni del boom economico: una bella casa, figli e proprietari di una fiorente agenzia di viaggi. La narrazione televisiva inizia nel 1981, anni cruciali per la crisi internazionale dei missili nucleari; il passato della coppia si conoscerà nel corso delle puntate attraverso alcuni flash back. Philip ed Elizabeth devono mantenere la loro copertura tra sentimenti contrastanti, ordini da eseguire e i figli che crescono affini ai valori del capitalismo.

Prodotta da Fox, i diritti sono di Sky. Le serie trasmesse fino ad ora sono tre.

Deutschland 83

Miniserie (8 puntate) tedesca, co-prodotta dall’azienda americana Sundance TV, è andata in onda a giugno 2015 ed è arrivata su Sky Atlantic lo scorso dicembre. E’ il 1983, nel bel mezzo della Guerra Fredda, quando la NATO annuncia nuove manovre militari nell’Europa Occidentale; quando si comincia a riparlare di un possibile colpo nucleare a danno del Blocco Sovietico scoppia il panico. Per questo il servizio segreto di spionaggio sovietico invia un giovane sergente a Berlino Ovest, Martin Rauch, con una nuova identità al fine di scoprire le future mosse del Blocco Occidentale. Rauch, inviato come spia sotto ricatto e malcontento del compito che gli è stato assegnato, riuscirà comunque a svolgere un ruolo importante all’interno crisi militare e politica del 1983. Contrabbando, amore, famiglia e movimenti di pace, fanno da sfondo alla serie che riesce a trattare, anche con poche puntate, temi importanti come quello della diffusione dell’AIDS.

I diritti sono di Sky, per ora non si sa quando andrà in onda la seconda serie.

Mi sento di dare quattro stelline ad entrambe le Serie, Buona Visione!


[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/FC-.jpg[/author_image] [author_info]Francesca Cervelli, 27 anni, Laureata in Storia Contemporanea, Roma. Sogna un mondo migliore mentre prepara dolci, guarda telefilm e legge, sempre, anche le etichette dello shampo sotto la doccia. Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso.[/author_info] [/author]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.