Uefa Euro 2016: ancora scandali per l’Italia

Correva l’anno 2006. Calciopoli infuriava e l’Italia si apprestava a giocare i mondiali di calcio, che poi avrebbe vinto, in Germania.

Maggio 2016: l’ennesimo scandalo scommesse colpisce il calcio italiano e la Nazionale stessa nella persona di Armando Izzo, calciatore del Genoa indagato per aver collaborato con la Camorra per truccare due partite di Serie B della stagione 2014-2015.
Prima di lui da inchieste simili erano stati colpiti personaggi illustri come Antonio Conte, giorni fa scagionato da tutte le accuse.

Dieci anni tra questi due eventi, dieci anni in cui il calcio italiano, invece di essere curato e pulito, si è sporcato sempre di più tra scommesse e calciatori venduti, problemi negli stadi, dirigenti di lega poco o per niente limpidi, sospetti di arbitri poco onesti.

Poco importa però. La prima lista dei convocati dell’Italia per gli Europei in Francia è stata stilata e tanto basta per far dimenticare molto. Soprattutto perché tra i preconvocati non c’è la presunta pecora nera Izzo.
Alla prima partita vinta tutto sarà dimenticato. Alla prima persa tutto tornerà a galla. Siamo fatti così.

Intanto Camorra e calcio si uniscono e mangiano insieme polpette. E chissà quante e quante volte.
Pazienza, tra poco dovremo tifare tutti Italia senza fare domande e con un spirito patriottico che solo il calcio è in grado di donarci.

Magari alcuni, visto la coincidenza dell’inchiesta di nuovo a ridosso di una competizione importante come nel 2006, si giocheranno pure la vittoria dell’Italia all’Europeo.

Immagine in evidenza da lapresse.it

[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/Betta_.jpg[/author_image] [author_info]Elisabetta Graziani, 28 anni, di Roma. Dottoranda in Storia Medievale, ama Boston, il calcio e le cose belle di ogni tipo (compreso Kevin Spacey). Per ardua ad Astra.[/author_info] [/author]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.