Storie di Rio 2016: Yusra Mardini, la rifugiata siriana alle Olimpiadi

Yusra Mardini ha 18 anni. Nel 2015 è fuggita, con la sorella, dalla Siria per cercare la salvezza dalla guerra e dalla fame. L’arrivo del gommone sul quale viaggiava si è rotto prima di arrivare a Lesbo. E’ stata portabandiera del Team dei rifugiati, composto da 10 profughi, alle Olimpiadi di Rio 2016. Ecco la sua storia.

Yusra Mardini

Nel momento in cui il gommone si è rotto, in quella notte del 2015, Yusra si è buttata in acqua insieme a sua sorella e ad altri due profughi. Hanno nuotato per 3 ore nel Mare Egeo spingendo l’imbarcazione e salvando la vita a tutti.

 «Voglio che tutti pensino che i rifugiati sono persone normali che sono scappati dalla loro terra perché hanno dei sogni nella vita e nei posti dove sono nati non potevano realizzarli».

Adesso Yusra non ama più nuotare in mare aperto: «Ma lo so che senza il nuoto adesso non sarei viva. Non potevo annegare quel giorno, perché io sono una nuotatrice e avevo un futuro da inseguire», ha detto. «Voglio che tutti i rifugiati siano orgogliosi di me e che si sappia che dopo ogni lungo e complicato viaggio, si possono raggiungere risultati importanti».

mardini-olimpiadi

La ragazza ha dato prova della sua bravura debuttando nelle batterie dei 100 metri farfalla alle Olimpiadi di Rio 2016 ma in semifinale non ce l’ha fatta.

Alla fine della manifestazione tornerà a Berlino dove si è stabilita con sua sorella e dove, con ardore e speranza, conduce la sua nuova vita.
Una storia di vita, di speranza, di ispirazione. Grazie Yusra Mardini, il tuo sogno diventato realtà può essere anche un po’ il nostro.

Fonti e Foto:

web
www.vita.it


[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.ilpostgiusto.com/wp-content/uploads/2015/01/FC-.jpg[/author_image] [author_info]Francesca Cervelli, 27 anni, Laureata in Storia Contemporanea, specializzata in Cooperazione e Diritti Umani, Roma. Sogna un mondo migliore mentre prepara dolci, guarda telefilm e legge, sempre, anche le etichette dello shampo sotto la doccia. “Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso”. [/author_info] [/author]


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.